Come si può non conoscere la musica dei Queen? Eppure la pellicola cinematografica del 2019, che ne racconta l’incredibile e affascinante storia abbia fatto riscoprire questi giganti del rock alle nuove generazioni a quanto pare ormai troppo lontane dal loro ricordo, riscopriamoli insieme attraverso il loro brano più famoso e controverso.

I natali della canzone dei Queen Bohemian Rhapsody

La carriera musicale dei Queen è stata una continua ascesa verso il successo, ma in assoluto la canzone che ne rappresenta l’essenza e la consacrazione è senza dubbio Bohemian Rhapsody contenuta nell’album “A Night at the Opera” pubblicato nell’ottobre del 1975. Un brano lungo 6 minuti che sin da subito venne osteggiato dal manager della band, considerando la sua eccessiva durata un ostacolo per la messa in onda in radio, ma un DJ amico di Freddie, Kenny Everet, ne rimase talmente affascinato da passare il brano cosi tante volte da concedergli il successo che meritava.

Grazie a questo i Queen con il loro esperimento ottennero un enorme consenso di pubblico, tanto che il brano rimase per ben 9 settimane in testa alla Official Single Chart vendendo oltre un milione di copie solo nel gennaio del 1976.

Il testo della canzone non è mai stato chiaro ai componenti della Band, tranne che a Mercury essendone appunto l’autore, il biografo ufficiale del gruppo ha ipotizzato che fosse una dichiarazione velata delle tendenze omosessuali di Freddie, trasposte attraverso riferimenti religiosi e del passato del frontman.

cibo italiano nel mondo

Queen album – A Night at the Opera

Nella loro carriera i Queen hanno pubblicato 14 album con una frequenza quasi annuale, se non consideriamo i problemi discografici e poi la malattia di Freddie.

A Night at the Opera però rimane l’album della consacrazione grazie a una vasta gamma di sperimentazioni da parte della band, sia in ambito musicale che di metodologia di registrazione. In questo album i Queen usarono strumenti inusuali per il rock dell’epoca come l’arpa o il banjo. Non da meno fu la parte vocale che in alcuni casi era composta da quasi un centinaio di tracce, cosa che creò non pochi problemi di registrazione arrivando addirittura alla necessità di inventare supporti nuovi per tale operazione di mixaggio.

Bohemian Rhapsody ovviamente è il brano più famoso dell’album che però nel complesso ricevette un notevole apprezzamento dai critici posizionandosi alla quarta posizione nella Billboard 200, ottenendo il primo disco di platino per la Band negli U.S.A..

Ti è piaciuto il nostro articolo?  Leggi su Everyday News Musica per Correre: fa bene oppure no?

Stefano Cimei

Appassionato di tutto ciò che ruota attorno al mondo della Musica, dell’Arte e della Grafica.